Che cos’è?
Cos’è lo strumento del gioco-fiaba animato, come utilizzarlo in chiave preventiva con i bambini?

Il gioco fiaba animato è uno strumento in apparenza simile alla drammatizzazione poiché ha senz’altro una parte di vera e propria animazione e di rapporto giocoso con i bambini.
Ma oltre a ciò, in questo tipo di intervento, i bambini pur rimanendo nell’ambito del gioco creativo e della fantasia, possono anche utilizzare a loro favore una dimensione più profonda.

Questa dimensione si crea attraverso un rapporto empatico tra operatori animatori e bambini.
Il racconto è un tramite con cui coinvolgere i bambini, ma la dimensione del rapporto giocoso è intervallata da diversi momenti che potremmo chiamare “di approfondimento emotivo” .
Momenti che una volta creato il coinvolgimento con i bambini, hanno lo scopo di “fermare i bambini" su un particolare approfondimento emotivo (prendendo spunto da un preciso momento della fiaba). Questi momenti di approfondimento emotivo possono essere anche quattro o cinque durante la narrazione animata (o anche di più a seconda di come reagiscono i bambini).
In questi momenti attraverso il dialogo con l’operatore ci si sofferma su alcuni sentimenti e soprattutto su come poterli gestire.
Tutto ciò in sostanza per aiutare i bambini ad esprimersi su vari sentimenti e-o conflitti che possono vivere come ostacoli nella loro vita quotidiana scolastica e di rapporto in generale.
Le fiabe proposte e animate infatti sono innanzitutto sempre costruite “su misura” per la realtà del gruppo di bambini che si incontra e soprattutto tenendo presente la conoscenza che l'insegnante ha del suo gruppo classe e delle particolari problematiche in esso presenti.

 

Barbara Camilli