Nel guardare le fotografie si attua sempre in modo spontaneo e inconsapevole, un processo di storicizzazione del proprio percorso biografico. Questo è il segno del potere curativo delle immagini.

 

All’interno di un percorso di terapia o analisi questo processo autoconoscitivo e autocurativo è reso consapevole e potenziato dalla presenza del professionista, il quale agisce da catalizzatore dei fenomeni emotivi ed associativi suscitati dalla interazione tra la foto ed il soggetto che le guarda.

 Il paziente, attraverso la selezione, l’esame e la discussione delle foto, narra e contemporaneamente visualizza la sua storia. La storia del suo sé per come si è sviluppato negli anni.

Il rapporto con il terapeuta o l’analista gli consente di inserire in un contesto reale i propri ricordi, agevolando la consapevolezza del “qui e ora”. Come? Consentendo al paziente esplorazioni approfondite e sicure dei vissuti che va ricostruendo attraverso le immagini fotografiche che osserva.

Così facendo integra il passato con il presente, il senso di sé con l’esperienza, ri-visita le propri vicende alla luce della attuale consapevolezza.

La presenza di una terza persona (terapeuta o analista) facilita la soluzione di un potenziale paradosso che si è venuto a creare tra la foto e chi la osserva. A questo punto il flusso narrativo del paziente, non è più soltanto percorso individuale, ma si trasforma in racconto che può essere modificato e arricchito.

Il terapeuta o l’analista diventa il contenitore adeguato al paziente. La relazione con lui, diventa il momento di rilettura della propria storia e di integrazione delle varie funzioni psichiche. Ecco che la fotografia permette di contattare nuclei profondi del sé, ristrutturandoli.

 

Barbara Camilli

News Letter

Iscriviti alla nostra news letter e ricevi in presa diretta le nostre ultime novità


Ricevi HTML?

Grazie e Buona Vita

Login form

Follia

Chi vive senza follia non è così saggio come crede.


Ieri, oggi, domani

Ieri è storia, domani è un mistero ma oggi.... l'oggi è un dono.
Per questo lo chiamano "presente".

tratto dal film "Kung Fu Panda"


Tradimento

Il tradimento vero è quello di seguire il mondo così com'è, ed impiegare la mente a giustificarlo.

Jean Guehenno


Solitudine

Si è più felici in solitudine che in compagnia. Non deriverà forse dal fatto che in solitudine si pensa alle cose e che in compagnia si è costretti a pensare alle persone?

Nicolas Chamfort


Temere

E' inutile temere cio' che non si puo' evitare

proverbio latino


Informativa sui Cookie

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.