Quello che provo è davvero indescrivibile, ma ci voglio provare.
Io mi sento serena, tranquilla, rilassata, soprattutto dopo aver finito un racconto molto felice e rilassata.
Mi aiuta a rilassarmi, ad evadere dalla malinconia di non aver vicino il mio bambino, ma nello stesso tempo mi permette di reagire in maniera diciamo serena.

Da quando la Dottoressa Camilli mi ha consigliato di scrivere racconti per bambini, all’inizio n’ero molto titubante, infatti, non ne trovavo una valida motivazione.
Ma in seguito incominciato a scrivere mi sono resa conto, che lo scopo della Dottoressa era quella di far uscire la bambina che era in me, di trovare anche la serenità che da parecchio tempo avevo perso.
Ora questa sta diventando una maniera di rilassamento.
Nei momenti di stress mettermi davanti al PC oppure davanti ad un foglio bianco mi permettere di mettere nero su bianco i miei pensieri in quell’istante ed i miei desideri.
E devo confessare che mi piace tantissimo, devo dire proprio grazie alla Dottoressa Camilli, che nonostante i miei alti e bassi mi è sempre vicina, con parole ed ascolti e vari rimandi inerenti alla situazione che gli pongo.
E’ stata proprio lei a convincermi in maniera solare a scrivere racconti e devo affermare che nonostante il mio scetticismo, ora ne sono davvero coinvolta, soprattutto perché anche a mio figlio piacciono, questo mi fa star bene.
E’ bello volare nel mondo della fantasia, anche solo per credere di avere una famiglia serena, felice, normale.
La mia famiglia è solo composta da me e dal mio bambino (che è l’esserino più fantastico e meraviglioso che è entrato per caso nella mia vita concedendomi la gioia d’essere mamma), dalla mia mamma ormai malata, confesso che vederla così mi fa molto male, lei che è sempre stata il perno la roccia della casa, ora è in una fase della sua vita che ha bisogno di tutti ma soprattutto di noi, di cani e gatti e uccellini.
Io ho sempre desiderato una famiglia completa di mamma, papà, figli, nonni, zii, cugini, com’eravamo noi quando ero piccola e con il mio papà.
Ora invece siamo entrati in discordia solo per un pezzetto di casa, che tanto in un domani quando non ci saremo più non verrà con noi, magari i nostri figli se la mangeranno.
Impedendo in ogni modo così a chi ancora c’è di genitore di viverci in serenità ed armonia, con tutti i suoi cari.
E così a volte volo anch’io nel mondo della fantasia, creandomi una famiglia ed un angolo felice.
Io però nonostante tutto anche se non ho una famiglia completa ero felice in ogni modo con il mio bambino, lui è l’angelo caduto dal cielo che ha dato un valore alla mia vita, facendomi tirare fuori gli artigli come qualsiasi mamma che deve difendere e proteggere il suo cucciolo.
Quello che però mi fa star molto male è quando la gente di prende in giro, t’inganna, tradisce la tua fiducia, usa la tua amicizia solo per i propri scopi, quando non gli servi ti schiaccia come se fossi una formica.
A me è sempre piaciuto aiutare gli altri facendomi scudo delle mie passate e travagliate esperienze, le quali mi hanno fatto molto soffrire, ma grazie al mio dolcissimo e fantastico bimbo, sono riuscita a superare e continuerò a farlo a testa alta.
Io credo tantissimo nell’amicizia, per me è una parola la quale ha un gran valore ed importanza, ma più vado avanti e più mi rendo conto che questa parola per molta gente è solo sinonimo di: “ io ho bisogno e dunque ti uso, poi chi se ne frega di te”, è brutto da dire ma è la verità della vita.
Ma tutto aiuta a crescere e a formare il proprio carattere e personalità, parametri molto importanti il giorno d’oggi se si vuole proseguire ed andare avanti.
Per me la cosa più importante è il mio bambino e come ho sempre detto anche alla mia ginecologa, se torno indietro nonostante le mie difficoltà, la mia solitudine rimetterei al mondo il mio bambino, lui è la mia fonte d’energia, la mia gioia, la mia luce, il mio raggio di sole, senza L. e lontano da lui la mia vita diventa solo un pozzo buio ed oscuro, ma so benissimo che infondo in ogni modo c’è una luce meravigliose, che nasce dall’amore di una mamma e del proprio bambino,
Io e mio figlio siamo legati e molto uniti, differenza delle male lingue noi ci vogliamo molto bene, ed il nostro amore alla fine trionferà e chi ha sbagliato ne pagherà le conseguenze, una giustizia divina c’è anche se io non sono molto credente.



Firmato

Una mamma convinta.