L’olio essenziale viene estratto dalla pianta per distillazione in corrente di vapore o, come nel caso degli agrumi, per spremitura. In questo modo si riesce a cogliere e conservare l’essenza o spirito della pianta.

Per questo motivo l’olio essenziale viene paragonato ad una “goccia di luce”, o “carta di identità energetica”, perché contiene tutte le informazioni vitali della pianta e si possono localizzare in ogni parte della stessa (foglie, radici, fiori..). In aromaterapia ciò significa che l’essenza liberata dall’olio essenziale infonde nella realtà che lo assorbe le proprietà di guarigione specifiche del fiore, albero o agrume dal quale è stato estratto.

Gli oli essenziali sono:

volatili: nel senso che hanno la capacità di evaporare e diffondersi nell’aria per questo possono essere inalati attraverso le vie respiratorie;

odorosi: nel senso che emanano delle fragranze grazie alle quali il nostro olfatto va a stimolare alcune aree cerebrali ;

oleosi: nel senso che sono liposolubili (che possono sciogliersi nei grassi) e quindi facilmente assorbibili dalla pelle.

Le tante virtù degli oli esplicano un'azione completa sulla persona andando ad agire sulle tre dimensioni corpo, anima, mente:

Corpo: i principi attivi dell'olio essenziale a seconda della proprietà (antisettici, bioattivanti…) vanno ad agire direttamente sul corpo fisico (corpo e organi annessi);

Anima: il profumo con le sue sottili vibrazioni interagisce con il campo magnetico umano allineandone l'energia, inoltre attiva la sfera emozionale;

Mente: calma, tonifica, riequilibra il sistema nervoso.

Non a caso i tre piani dei profumi sono definiti: note di testa (arancio, bergamotto, clementina, basilico, citronella, lemongrass, limetta, mandarino, menta, pompelmo, verbena) aiutano a schiarirsi le idee apportando un senso di freschezza alla mente. Tra i profumi sono i più volatili, quindi il loro effetto dura da un minimo di pochi secondi a un massimo di un ora. La vibrazione che passa è veloce; note di cuore (gelsomino, geranio, lavanda, neroli, rosa, ylang ylang, melissa, mirto, salvia, cipresso, rosmarino, timo, finocchio, camomilla, sclera) aiutano ad aprire, sciogliere e rilassare l’anima quando soffre o è in disequilibrio. Sono profumi aspri o dolci che possono rimanere per diverso tempo sulla pelle. La vibrazione che passa è ampia, di quelle che aprono; note di base (cedro, abete, calendula, canfora, mirra, incenso, cannella, legno di rosa, ginepro, pino marittimo, pino mugo, sandalo, piuno cembro) aiutano a fortificare, purificare e tonificare la base/il terreno che è il corpo. Si tratta di profumi caldi e “pesanti” che possono rimanere per qualche giorno sulla pelle. La vibrazione che passa è profonda, di quelle che centrano su se stessi. La maggior parte degli oli di questo gruppo esplica un’azione positiva sui polmoni: una volta diffusi nell’aria la rivitalizzano e la purificano (ad eccezione della rosa e del sandalo) aumentando la capacità respiratoria. Quando la persona ha una buona e corretta respirazione in conseguenza migliora la presenza ed efficienza mentale, o semplicemente ci si schiarisce le idee.

Le diverse proprietà degli oli

Afrodisiaci: alcune essenze stimolano la sessualità agendo a livello ghiandolare, inoltre agiscono positivamente sul sistema emotivo aiutando l’espressione dei sentimenti. Tra questi ricordiamo: salvia, pino, cannella, pepe, rosmarino, ylang ylang , patchiuli, muschio.

Analgesici: utili per la cura di nevralgie perchè alleviano il dolore. Tra questi ricordiamo: camomilla, ylang ylang, chiodi di garofano, menta.

Antiparassitari: hanno la funzione di allontanare insetti, tarme, acari, parassiti ed insetti vari. Tra le piante che agiscono in questo senso ricordiamo: citronella, mirto, cipresso, alloro, cannella, ginepro.

Antireumatiche: sono efficaci per la cura e la prevenzione di dolori articolari e muscolari. Tra questi ricordiamo: rosmarino, camomilla, ginepro, canfora, verbena.

Antisettiche (battericide): inibiscono lo sviluppo e proliferazione dei microrganismi eliminando virus, batteri e germi, inoltre sono degli ottimi disinfettanti. Tra questi ricordiamo:origano, timo, santoreggia, maleoluca, fiori d’arancio, palmarora, lavanda.

Antispastiche e digestivo: utile in caso di spasmi nei visceri e a livello gastrico, quindi ottimo contro le coliche, inoltre facilitano la digestione stimolando l’appetito e combattendo la formazione di gas intestinali. Tra questi ricordiamo: finocchio, cumino, cardamomo, coriandolo, menta, verbena, angelica.

Calmanti: hanno un effetto calmante sul sistema nervoso, quindi utili in caso di insonnia, ansia, stress e tensione nervosa. Tra questi ricordiamo: melissa, verbena, lavanda, camomilla, arancio, sandalo, mandarino.

Cicatrizzanti: accelerano il processo di guarigione e di riparazione delle ferite favorendo la rigenerazione cellulare. Tra questi ricordiamo: tea tree, benzoino, rosa, cipresso, geranio.

Espettoranti: sono utili per migliorare i problemi dell’apparato respiratorio, favorendo una buona respirazione. Tra questi ricordiamo: rosmarino, eucalipto.

Eudermiche: si prendono cura della pelle contrastando alcuni in estetismi come cellulite (limone, cipresso, geranio), smagliature (patchiuli, menta, limone), acne (tea tree), couperose (geranio, rosa)

Flebotoniche: migliorano la circolazione venosa e linfatica riducendo il senso di gonfiore agli arti inferiori. Tra questi ricordiamo: cipresso, vetiver, tea tree, mirto, limone, geranio.

Ormonali: aiutano nella regolazione e riequilibrio del funzionamento delle ghiandole endocrine con particolare riferimento alla corteccia surrenale

Riscaldanti: alcuni olii contengono delle sostanze in grado di attivare la circolazione locale. Tra questi ricordiamo: cannella, pepe nero, rosmarino, canfora, zenzero

Tonificanti: hanno un effetto tonico stimolante del sistema nervoso, questo a livello sia generale (in caso di tensione nervosa o stress) che a livello intellettivo in caso di scarsa concentrazione o apatia mentale. Tra questi ricordiamo: menta, basilico, timo, salvia, rosmarino, rosa, fiori d’arancio.

 

Barbara Camilli