Agosto è l'ottavo mese dell'anno e consta di 31 giorni.
Si narra che il mese fu così chiamato (Augustus mensis) dagli antichi romani in memoria dell'imperatore Ottaviano Augusto, nipote di Giulio Cesare, grande condottiero che vinse molte battaglie. Da questo nome deriva il ferragosto “feriae Augusti”.
Otto, il numero del mese, in moltissime culture e tradizioni rappresenta un portafortuna a simbolo delle forze cosmiche in perfetto equilibrio tra di loro: otto sono gli spicchi dei rosoni mariani, otto i raggi della ruota della fortuna, otto sono le beatitudini, e ottavo è il piano dove abita “Dio”: in paradiso. Guardato in orizzontale, l’8 rappresenta ed esprime l’infinito.


 
Campo D'orzo Con Falciatore Al Tramonto"
di Vincent Van Gogh

 


Nel Medioevo il mese di Agosto veniva rappresentato da mietitori e dal grano tagliato

Nel mese d’Agosto si celebra nel giorno 15 la festa dedicata all'Assunzione di Maria al Cielo, una festa cristiana che a onor del vero sembra più una ricorrenza “laica” dato che moltissimi tra giovani e meno giovani, non sanno bene perché si festeggia il Ferragosto. Per molti è solo un giorno dove farsi i gavettoni, uscire fuori a cena o stare a casa dal lavoro.
In realtà Ferragosto ha una lunga storia alle spalle. Accanto alla festa Cristiana (Assunzione della beata Vergine Maria) tutto il mese di Agosto era periodo di festa al tempo dei romani perché in questo periodo avevano avuto fine le guerre civili, l’Egitto era stato assoggettato, il 15 poi era una giornata dedicata all'imperatore Ottaviano Augusto che regalò alla città e all'impero un lungo periodo di pace, dopo tante sanguinose battaglie.
Nel mese di Agosto le giornate iniziano ad accorciarsi, la temperatura dell'aria si rinfresca dopo la metà del mese per l’arrivo di frequenti e forti temporali con repentine variazioni climatiche soprattutto verso la fine del mese, in concomitanza con la lunazione.
Agosto per i contadini è uno dei mesi in cui si miete il raccolto, ma è anche il mese in cui sono a maturazione uva, olive, castagne. L’energia di Agosto, dal punto di vista simbolico chiede acqua affinché l’eccessiva perdita di liquidi dovuta alla calura dei mesi precedenti non crei disidratazione all’organismo. A tal riguardo l’alimentazione esplica una funzione importantissima: cibi leggeri, succhi di frutta, tisane e una salutare attività fisica possono evitare i rischi di un autunno sofferto. Pensate che in natura, proprio in questo periodo, ci sono degli animali come la Rana Temporaria, la Civetta e il Ghiro che dopo la calura diurna escono dalle tane in cerca di refrigerio, mentre nei campi crescono a dismisura piante contro la stanchezza e la digestione come, l’Angelica, l’Aneto, il Cumino dei prati, il Gelsomino, la Lavanda.
La natura arriva ad offrire quindi i rimedi giusti per contrastare le azioni del clima in cui si vive.

 

Proverbi
Se piove d'Agosto piove olio, miele e mosto;
Luna d'Agosto illumina il bosco;
D'Agosto l'uva fa il mosto;
AGOSTO MANDA MISSIVE PER FARTI RACCOGLIERE GLI STRACCI (E' da intendersi che se in  agosto la temperatura non è delle migliori, bisogna aspettarsi una brutta stagione invernale. Per zinzuli (stracci) si intendono i vestiti leggeri
QUANDO ORMAI IL FICO E' MATURO,  E' ORMAI PASSATA LA STAGIONE DELLE ANGURIE
A SAN LORENZO ( 10 agosto ) LA NOCE E' A META' DELLA SUA MATURAZIONE

 
Il 10 Agosto è la Notte di San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti: lo sciame sarà visibile per almeno tre notti.
Nella tradizionale la notte delle stelle cadenti veniva come la notte delle “Lacrime di San Lorenzo”: questo deriva dal fatto che nel XIX secolo il massimo della loro frequenza avveniva proprio il 10 agosto, giorno della ricorrenza del Santo.
 
 
 
 
Oggi giorno il fenomeno delle stelle cadenti si è spostato in avanti di circa due giorni. Il giorno 12, la Terra nel suo percorso orbitale intercetta la parte più densa delle nubi di particelle.
Volgendo lo sguardo verso Sud possiamo osservare la costellazione del Sagittario, questa occupa la zona della volta celeste nella quale è situata la  Via Lattea.
 
 

 
Il poeta greco Esiodo (VIII - VII sec. a.C.) afferma: «Quando il cardo fiorisce e da un albero la cicala canora diffonde l'armonioso frinire battendo le ali, è giunto il tempo d'estate; ben pingue è la capra e ottimo il vino. Le donne sono tutte calde e gli uomini tutti fiacchezza, perché Sirio asciuga il capo e le ginocchia e il corpo è languido per il calore».
 



Poesia
 
San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l'aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.
 Ritornava una rondine al tetto:
l'uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de' suoi rondinini.
 Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell'ombra che attende,
che pigola sempre più piano.
 Anche un uomo tornava al suo nido:
l'uccisero; disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono.
 Ora là nella casa romita,
lo aspettano, aspettano invano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.
 E tu, Cielo, dall'alto dei mondi
sereno, infinito, immortale,
oh! d'un pianto di stelle lo inondi
quest'atomo opaco del Male!

["X Agosto" di Giovanni Pascoli 1855-1912]
 

 
 

Tra gli alimenti e i rimedi tipici del mese ricordiamo:

l’aneto: utile contro il meteorismo;
l’angelica: dall’importante funzione digestiva;
il cumino dei prati: tonificante e ricostituente;
il gelsomino: antistanchezza;
la passiflora: utile per generare un sonno ristoratore;
la lattuga: sedativa e rinfrescante;
la lavanda: in tisana e sottoforma di olio essenziale da sollievo;
la melissa: da vigore ed energia;
il karkadè: pieno di vitamine e Sali minerali;
la susina: coadiuvante contro stanchezza e affaticamento generale;
il cetriolo: rinfresca e rimineralizza.

 

Barbara Camilli